L’acqua alcalina ionizzata non è un miracolo!

domenica 29 Gennaio 2017

Se pensiamo però che basti bere ogni tanto dell’acqua alcalina per aver gettato le basi di una prevenzione efficace rispetto alla nostra salute, ci sbagliamo di grosso.Gli straordinari effetti di quest’acqua sono legati anche allo stile di vita che seguiamo quotidianamente. Il primo passo verso un benessere dell’organismo è smettere di avere una “vita acida”.

  • Alimentazione basata su zuccheri (formidabili divoratori di ossigeno presente nel sangue), carne, carboidrati, cibi cotti, raffinati, manipolati e privati dei nutrienti fondamentali (cuocere il cibo significa distruggerne sali minerali e vitamine oltre agli indispensabili enzimi, base di più di 2000 processi fisiologici del corpo), scarsa di frutta e verdura possibilmente cruda e altamente basica; eccesso di cibo fritto e latticini.
  • Abuso di fumo, alcool, veri e propri killer per l’organismo con le loro gravi ripercussioni sul sistema respiratorio e la funzionalità epatica.
  • Insufficienti ore di sonno che non permettono il rigenerarsi naturale delle cellule.
  • Stress correlato a ritmi di lavoro e di relazioni obbligate.
  • Emozioni negative, preoccupazioni, (anche i pensieri producono scorie acide)
  • Troppo sport e sforzo muscolare (che genera una enorme quantità di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare) o, al contrario, una vita sedentaria che agisce negativamente sul sistema circolatorio e l’attività cardiaca, ed è base di disagi legati al peso e all’accumulo di grasso.
  • Bere meno di 2 litri di acqua al giorno, non bere affatto, o bere alcool.
  • Fare uso di acqua imbottigliata o, ancora peggio, bibite gassate, reputate ancora più pericolose del tabacco per via del loro ph acidissimo (2,5 di norma)

Tutto ciò ci porta ad avere un sistema di vita “acido”, che alla lunga favorisce il continuo accumulo di scorie acide nel nostro corpo e che noi non riusciamo ad espellere, nemmeno bevendo molto se l’acqua stessa non ha le giuste caratteristiche ed ha mantenuto integre le sue funzioni primarie.

Se non cambiamo o riduciamo le cause che portano all’ossidazione delle cellule e alla condizione di acidosi cronica, a nulla varrà bere un po’ di acqua alcalina “una tantum”.

I principali sintomi dell’acidosi metabolica sono ormai scientificamente provati e verificabili; la loro intensità dipende ovviamente da quanto il nostro corpo è in stato di intossicazione dovuta ad eccesso di acidità nell’organismo. Ricordiamo i sintomi più frequenti:

  • Senso di affanno, disturbi respiratori, allergie, asma, stanchezza cronica, riduzione della massa muscolare ed ossea, osteoporosi, vomito, nausea, mal di testa, stipsi, invecchiamento precoce, ripercussioni sul Sistema Nervoso centrale, irritabilità, diminuzione della memoria e problemi di concentrazione, insufficienza renale ed epatica, predisposizione a malattie degenerative.

Tra la Letteratura Scientifica che può dipanare qualsiasi dubbio sugli effetti benefici dell’acqua alcalina ionizzata, citiamo sempre in prima battuta i massimi esponenti della ricerca e diffusione di questa metodologia curativa.

  • Rocco Palmisano; Naturopata, Iridologo, Laureato in Tecniche Sanitarie e Radiologia Medica e in Scienze della Salute. Massimo esponente in italia della ricerca e diffusione di questo metodo curativo, a tutt’oggi il Dott. Palmisano tiene Conferenze e seminari di approfondimento per operatori in campo sanitario e persone sensibili alla tematica esposta e cura pazienti con disturbi di svariata natura.
  • Robert Young; Medico e Ricercatore, Autore del famosissimo libro “il miracolo del ph alcalino”, illustra nel suo best seller come il problema dell’obesità non sia altro che legato alle scorie acide che il corpo non riesce ad espellere e che col tempo si accumulano nel nostro corpo. Una specifica dieta basata sul consumo di frutta e verdura molto alcalina e l’interazione con l’uso di acqua alcalina ionizzata, possono essere un validissimo aiuto per ritrovare salute e bellezza.
  • Hiromi Shinya; Medico giapponese (in Giappone e Corea l’acqua alcalina ionizzata è presidio medico da oltre 40 anni) ma professionalmente attivo negli U.S.A., padre della tecnica chirurgica colonscopica, punta il dito sulla fondamentale necessità di bere succhi di frutta e verdura “vivi”, ovvero non privati degli essenziali principi nutritivi di cui i vegetali crudi sono ricchissimi. Oltre a sottolineare l’importanza degli enzimi per uno stato di salute ottimale, sostiene che una dieta corretta per l’uomo dovrebbe essere composta al 90% di liquidi: succhi freschi di frutta e verdura, e acqua; ma acqua che abbia le caratteristiche di quella alcalina; 
  • Dott. George Halperm; Medico, specializzato in Medicina Interna e allergologo; lo citiamo per alcuni studi approfonditi sul tema dell’”acidosi metabolica” e pubblicati sull “American Journal of Kidney Disease”.Egli afferma che l’acidosi metabolica è la causa principale di  tutte le malattie e strettamente collegata al consumo eccessivo di carne e al processo d’invecchiamento fisiologico; classifica questi 2 fattori come intrinsechi allo stato di acidosi metabolica cronica e spiega i meccanismi di difesa del corpo messi in atto per arginare i danni causati da un eccesso di acidosi dell’organismo. Asserisce che un apporto di proteine eccessivo aumenta i livelli di produzione metabolica di acido, che sulla lunga distanza possono avere conseguenze anche gravi sulla funzionalità dei reni e l’apparato scheletrico.

E’ interessante osservare come il Mondo Scientifico, la Medicina Accademica e le discipline che definiamo “olistiche”, stiano convogliando tutte verso lo stesso tipo di pensiero: corpo e mente sono inscindibili, tutto ciò che accade fuori di noi ha delle ripercussioni sul nostro stato di salute; la dieta che seguiamo segna profondamente lo stato di benessere del corpo ma anche della mente. Anche lo stress, le emozioni negative, i ritmi di vita poco sostenibili, le relazioni “scomode” ci fanno produrre reali scorie acide, che in qualche maniera dobbiamo assolutamente espellere.

Il messaggio è sempre quello della ricerca di “equilibrio”: cambiano i termini ma non la sostanza: nel mondo olistico cerchiamo delle vie per “liberarci”da ciò che non serve per sentirci in armonia con noi stessi e  “buttar fuori”  ciò che sentiamo non utile per il nostro benessere. Nel mondo medico si dà sempre più credito alle nascenti  teorie che basano il preservare la salute sull’eliminazione e il “buttar fuori” ciò che all’organismo non serve: in ogni caso parliamo di scorie acide, inutili e dannose. Del corpo e della mente.

L’acqua alcalina ionizzata è un anello di congiunzione tra due modi differenti di trattare il tema dell’equilibrio. Utilizzata in ambito Medico e sempre più dagli operatori del settore olistico, è sicuramente il metodo più veloce, pratico, sicuro, verificabile e privo di effetti collaterali che fino ad ora conosciamo per rendere il nostro corpo più alcalino e quindi sano, forte, energico e giovane.

Senza voler sostituirci al parere di chi ha una preparazione medica accertata, possiamo con tranquillità affermare che l’acqua alcalina, se utilizzata con costanza e metodo, può davvero risultare un validissimo aiuto per conservare la nostra salute.